Video Marketing, Google Ads & YouTube

Fare Video Marketing significa sfrutta la capacità dei video di rimanere impressi nella mente delle persone, trattandosi di contenuti immediati, che veicolano i messaggi delle aziende con incisività. Nel risulta che il video marketing, sempre più diffuso, è efficace per farsi conoscere e suscitare interesse, offrendo un ricordo del marchio del 53%, di gran lunga superiore a qualsiasi altro formato di annuncio.

Inoltre i video sono contenuti che condividiamo agilmente e velocemente con i nostri contatti.

Google Ads permette di scegliere tra diversi formati video che possono essere visualizzati per le nostre campagne di video marketing sia su YouTube che sui partner video Google.

I 4 principali formati di video annunci configurabili su Google Ads per la tua campagna di video marketing sono:

  • Video In stream: vengono visualizzati prima, durante o dopo altri video. Possono essere ignorabili e skippati dall’utente dopo cinque secondi, e non ignorabili (non possono essere saltati), fino ad una durata massima di 15 secondi. Sono possibili più modalità di offerta e addebito, quella più utilizzata per queste campagne è cost per view, ovvero paghi ogni volta che uno spettatore interagisce o guarda il tuo video per 30 secondi (o per tutta la sua durata, se inferiore a 30 secondi).

  • Video annunci Bumper: molto brevi (6 secondi); si rivolgono generalmente ad un pubblico ampio. Anche qui i video vengono riprodotti prima, durante o dopo un altro video e il pubblico non può saltare l’annuncio. L’offerta si basa su CPM (costo per 1000 impressioni), per cui si paga in base alle impression.

  • Annunci video Discovery: vengono utilizzati solo nella home di You Tube, tra i video correlati o nei risultati di ricerca. Gli annunci video discovery invitano gli utenti a cliccare per iniziare la riproduzione e si paga per ogni clic ricevuto.

  • Video Out Stream: sono video annunci specifici per i dispositivi mobili e non disponibili su YouTube. Possono, quindi, essere visibili come banner, interstitial (finestre del browser), annunci in-feed e annunci nativi, sia in modalità verticale che a schermo intero. Per questo format viene calcolato il vCPM (costo per mille impression visibili) e si paga solo quando un utente riproduce il video per due o più secondi.

Menzioniamo a parte il formato video annuncio Masthead in quanto è dispobile solo su prenotazione tramite rappresentanti di vendita ufficiali Google, eccone un esempio nell’immagine sotto.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.