Alla ricerca della viralità

C’è un perché della viralità delle storie? Certo che Sì!

Le persone leggono e condividono quel che potrebbe migliorare le loro relazioni, farle sembrare intelligenti, empatiche o semplicemente che le pone in una luce migliore.

E la componente emotiva? Parecchio, soprattutto se legate a vicende negative!

Il fascino delle vicende negative ha una spiegazione catartica: conoscere i guai altrui aiuta i lettori a superare i propri.

D’altronde è lo stesso principio su cui si fonda il cosiddetto viaggio dell’eroe, il più noto tra i modelli della narrazione.

Lo storytelling è la descrizione di una sequenza di circostanze che vedono un protagonista (l’eroe), mosso da bisogno o desiderio, affrontare differenti difficoltà o sfide fino a giungere cambiato al termine della vicenda narrata.

La viralità si alimenta della naturale propensione umana a trarre benefici dalle circostanze della vita. È la ragione per cui prestiamo attenzione alle storie – in quanto specchio della vita e le condividiamo per guadagnarci in prestigio sociale.

La sfida è un requisito essenziale affinché la narrazione funzioni e possibilmente riesca ad emergere tra milioni di contenuti che ogni minuto vengono caricati sul web.

Anche se non si può avere la certezza che un proprio contenuto diventi virale ignorare gli ingredienti della viralità significa precludersene la probabilità.

Caramella Multimedia per la tua comunicazione aziendale

Una presenza online efficace è ad oggi fondamentale, non è più una scelta ma una esigenza per essere vincenti in un mercato sempre più competitivo dove la prima impressione conta.

Approfondisci a questo link i nostri servizi video per le aziende.

Oppure contattaci per soddisfare le tue curiosità sulla comunicazione aziendale.