Metropoli

La tecnologia al servizio dei lavoratori

L’11 giugno scorso il Governo ha approvato il decreto attuativo del Jobs Act, ora al vaglio delle Commissioni competenti di Camera e Senato, che rivoluziona l’art. 4 dello Statuto dei Lavoratori introducendo la possibilità di controllare l’attività lavorativa a distanza.

Si tratta di un’importante passo avanti che aggiorna una norma datata 1970 emanata con riferimento a tempi e ad un contesto tecnologico e produttivo completamente diversi da quelli presenti.

metro3dLo Statuto dei Lavorati attualmente limita l’uso di “impianti audiovisivi e di altre apparecchiature per finalità di controllo a distanza sull’attività dei lavoratori” se non in seguito ad un accordo con le rappresentanze sindacali. E’ sicuramente un freno incomprensibile dal momento che oggi la tecnologia è parte integrante dell’organizzazione del lavoro.

Infatti, il controllo a distanza dell’attività lavorativa riveste un ruolo fondamentale nelle politiche aziendali, innanzitutto perché migliora l’organizzazione del lavoro in termini di efficienza operativa, fondata sulla sinergia tra lavoratore ed impresa, ed inoltre diventa un valido strumento di meritocrazia per i lavoratori.

Il controllo dell’attività lavorativa non è un semplice strumento di verifica ma incarna il dovere di diligenza, lealtà, correttezza e buona fede nell’adempimento delle prestazioni lavorative, la cui osservanza è di importanza fondamentale per il buon funzionamento, affidabilità e reputazione dell’azienda stessa.

Con l’approvazione del Dlgs si svilupperebbe la filosofia della “tecnologia amica” per cui l’innovazione si pone al servizio dell’utilità ed è proprio questo il core business di Caramella Multimedia srl che con la tecnologia
METROPOLI
, studia soluzioni per la pianificazione ed il tracciamento degli operatori in mobilità tramite GPS e la tecnologia smart, diventata di uso quotidiano.

Post nella stessa categoria